Home

Qui sotto alcune immagini cui faccio riferimento nella mia conversazione radiofonica dedicata a Alighiero Boetti, Zig zag (1966), Radio3Rai, #Museonazionale (in onda sabato 31.1 h13.00|13.45). Paul Klee, Eros; Alighiero Boetti, Lampada annuale; Giuseppe Crespi, Amore e psiche. Il testo della mia lecture è qui. Il podcast qui. Buona lettura e buon ascolto!

Alighiero Boetti, Zig Zag, 1966

Paul Klee, Eros, 1923

Lampada annuale, 1967

Giuseppe Maria Crespi,_Amore_e_Psiche, 1707-1709

Annunci

Alighiero Boetti, Zig Zag, 1967

Zig zag (1967) di Alighiero Boetti. Questa è l’opera d’arte che scelgo di raccontare per il #Museonazionale di Radio3. Sabato 31 gennaio alle h13. Info e podcast qui.

67-copia

Come cambia oggi il ruolo del museo di arte contemporanea? La pratica delle “mostre” mantiene centralità, oppure sono più importanti processi di formazione? Come possiamo definire i suoi possibili rapporti istituzionali con il mondo dell’innovazione sociale e tecnologica? Ne scrivo qui discutendo alcuni modelli internazionali di istituti di “creative technology”.

 

image

“Classici del moderno” entre-deux-guerres (De Chirico, Balla decorativo, e Sironi agit-prop fascista; anche alcuni Klee). Fontana (tagli, ceramiche) e Burri. Sessanta Settanta ottico-cinetici e poveristi (sopratt Alviani, Dadamaino e Pistoletto – specchi ovunque; Boetti). Questo il campionario.

Prudenza prudenza prudenza (diciamo così) e mercato secondario e terziario etc.

#EvaMarisaldi da Minini, #MarioAirò @Vistamare (ma troppa “poesia”) e #LucaVitone (personale) da Pinksummer.

L’accigliato #EmiloMazzoli come Andromeda allo scoglio dei primi Ottanta. Migliori gallerie giovani: #Annarumma e #MarioMazzoli. Tra due o tre arabeschi decorativi spunta il Piccolo Duce in bronzo di Giacomo Balla. Sono venuto a dare un governo all’Italia, 1926 ca.: suona attuale, non è vero?

Senza titolo senza data #PieroManzoni @Mazzoleni. 1956 ca. Fauci protogalattiche in volo di ricognizione sulle foreste pietrificate di #PaesaggioZero.

image

 

Piero Manzoni, Achrome 1961

Di seguito il programma del convegno internazionale Rome Revisited. Rethinking Narratives in the Arts 1948-1968, che si terrà nei giorni 15 e 16 all’American Academy di Roma (info qui).

Qui l’abstract in inglese del mio intervento, dedicato ai rapporti tra Manzoni e New Dada e alla ludica reinvenzione del “classico” attraverso inedite strategie di citazione.

Rome Revisited. Rethinking Narratives in the Arts 1948-1968

Ha ancora senso parlare di “arte”, o dovremmo invece parlare di imprenditorialità in un settore convenzionalmente definito artistico? Ne avevo scritto nell’editoriale qui sotto. E si può anche leggere qui. Voglio tuttavia precisare che il mio punto di vista è descrittivo e non prescrittivo: scettico dunque, forse persino invalidante. Non ha niente in comune con l’entusiastica acclamazione di qualcosa come la “business art” (se ne parlava negli anni Ottanta).

Il punto cruciale a mio parere non è la scomparsa dell'”Arte”, che può andare e venire senza che questo debba essere motivo di drammi; ma la sua metamorfosi o meglio la metamorfosi storica della Grande Creatività. Se l’Arte non esiste più come tale, dove si riverseranno i doni del talento “divergente” e della tenacia? Tutto questo non verrà improvvisamente meno.

Humanities

Esistono “zone di contatto” e significative sovrapposizioni tra due sottomondi sociologici che consideriamo distanti? Ha senso considerare l’arte contemporanea, quantomeno nella sua componente mainstream, ancora un artigianato umanistico, alla ricerca di qualcosa come “gusto”, “profonditá”, motivazione intrinseca e autonomia della “cultura”? E il modello di “innovazione dirompente” vale anche per la competizione artistica e “culturale”? Ne scrivo @Artribune #22.

image

View original post

Qui dico fuori dai denti, nella terrorizzante misura dei 2200 caratteri ca., alcune cose che mi stanno particolarmente a cuore 😉

MicheleDantini_Quattro-tesi-sulla-critica_Artribune 23, gennaio|febbraio 2015, p. 6

Artribune 23, gennaio|febbraio 2015, p. 6

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: