Home

Sulle nomine dei venti direttori di museo

22/08/2015

Personalmente credo – e so che questa mia posizione, così minoritaria, farà discutere – che con queste nomine si siano disattesi obblighi di responsabilità nei confronti di una giovane generazione di storici dell’arte e curatori che non trovano, in Italia, opportunità di occupazione qualificata. Certo questo non poteva certo essere l’unico criterio. Doveva però contribuire a orientare la scelta in modo più rispettoso e bilanciato.

Immagino un colpo d’ala, un moto d’orgoglio e la creazione repentina, anticiclica di una nuova comunità di direttori di musei, trenta-quarantenni, cui sia riconosciuto il diritto a condurre esistenze professionali gratificanti senza essere per forza indotti all’espatrio. Il punto di vista da affermare, perché manifestamente conculcato, non è assurdamente patriottico ma generazionale.

In questo mio intervento @Artribune qui contesto un esito tanto disequilibrato. Né condivido l’opinione di chi, da punti di vista filogovernativi o presuntivamente antigovernativi, nega (con parole gonfie e intollerabilmente perentorie!) che vi sia un problema etico e politico.

Dopodiché, vi prego, torniamo pure a occuparci d’altro, senza pose pedanti o indignazioni troppo parruccone e codine. Il mondo non cadrà per questo, neppure se per una volta avremo danzato in pinacoteche concesse in prestito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: