Home

care e cari,

ecco qui il link all’eBook che ho curato con ‪#‎DeboraSpini‬ , Le parole, le pratiche, la cittadinanza, atti del convegno che abbiamo tenuto alla Georgetown University nell’ottobre 2014. Mi sembra ben riuscito ed è bilingue. ‪#‎criticadarte‬ ‪#‎storiadellarte‬ ‪#‎teoriapolitica‬ ‪#‎teoriaculturale‬ ‪#‎innovazione‬. Il download è gratuito qui.

I miei più cari saluti e auguri di Scintillante Anno Nuovo

Schermata-2015-12-26-alle-10.34.50

 

È fresco di stampa il secondo numero della rivista Scenari, edita da Mimesis Edizioni. Sono felice di interpretare una ulteriore apertura della rivista, solitamente dedicata a temi filosofici, sociali e politici. Al suo interno curo una sezione dedicata alla storia e alla critica d’arte, dal titolo “La cassetta degli attrezzi. Strumenti, metodi, collaborazioni della storia dell’arte”, con testi, oltrechè miei, di Lara Conte, Emanuele Pellegrini e Christian Caliandro. Buona lettura!

Immagine 5
Il momento Eureka. Pensiero critico e creatività è il mio eBook sull’innovazione cognitiva, appena uscito per Doppiozero, a cura di cheFare: dedicato ai processi di scoperta e esplorazione, all’intuizione e alle sue origini composite, all’allineamento di pensiero convergente e divergente, a ciò che chiamiamo la “scintilla” (o il “momento Eureka”, appunto) e smentisce la tesi delle “due culture”.
 
Scrivere questo libro, al cui interno la storia dell’arte dialoga con le scienze cognitive, l’antropologia culturale, la teoria politica e i creativity studies, ha avuto per me un’importanza tutta particolare, teorica e affettiva insieme.
 
Il download è gratuito dalla libreria di Doppiozero, qui. E sul sito di cheFare trovate un abstract ita|eng dal titolo Anatomia della creatività [Anatomy of Creativity], sul rapporto tra arte, storia dell’arte e scienze cognitive (qui; una precedente anticipazione @Doppiozero, Ricerca e rete, qui).

Ricerca e Rete

24/10/2014

foto-1

Come comunicare online contenuti complessi? E avvicinare Ricerca e Rete? Ne scrivo @Doppiozero qui, dedicando un cameo a un illustre espatriato della storia dell’arte tedesca, Edgar Wind.

Il testo è un estratto dal mio ebook di prossima pubblicazione dal titolo “Arte, scienza e sfera pubblica. Saggi sull’innovazione culturale”.

 

n-35431-9-1

Sono lieto che i Bronzi restino al museo di Reggio Calabria. Ma non per le ragioni brandite nella rovente polemica estiva. Ecco quello che, venuta fortunatamente meno l’ipotesi del trasferimento, possiamo imparare dalla vicenda dei Bronzi di Riace.

Ne scrivo @L’Huffington qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: